Sei qui: Home / Dicono di noi

Dicono di noi

Tempere dei Fratelli Pica di Sant’Arsenio

Cilento e Vallo di Diano fanno parte dello stesso Parco Nazionale. Ma si tratta di due territori diversi dal punto di vista morfologico, orografico, climatico e paesaggistico. Intanto il Vallo di Diano non è altro che un ampio altopiano che supera mediamente i cinquecento metri, arrivando a toccare anche l'altezza di circa 1.900 metri col monte Cervati ed è presidiato da altre elevate cime tutto intorno. E' collocato all'estremo lembo sud-orientale della provincia di Salerno sulla dorsale appenninica e confina quasi interamente con la Basilicata. Il territorio si trova all'interno e senza sbocco sul mare e di conseguenza anche il clima è diverso, connotato da marcate escursioni termiche e da inverni molto rigidi. Il terreno è di eguale natura di quello del Cilento: calcareo-argilloso, il cosiddetto flysch cilentano. Per queste sue particolari condizioni pedoclimatiche, più simili a quelle dell'Irpinia, del Sannio e del Vulture, ci si è chiesto spesso perché il Vallo di Diano non è mai riuscito ad esprimere una viticoltura di eccellenza. La domanda non ha una risposta precisa. Una cosa è certo comunque, da poco tempo, e precisamente dal 1997, esiste finalmente un'azienda vitivinicola commerciale che, grazie alla consulenza enologica di Carmine Valentino e alle particolari e favorevoli condizioni del terroir ove insiste un vigneto monopole di aglianico, è riuscita a colmare questa lacuna. Questa azienda si chiama Tempere ed appartiene agli intraprendenti fratelli Giuseppe ed Arsenio Pica di Sant'Arsenio. I loro avi hanno prodotto e venduto vino fin dal XIX secolo, come altri viticoltori locali. E questo sta a significare che la cultura enologica in questo territorio c'è sempre stata, anche se non adeguatamente sfruttata.

FONTE: www.lucianopignataro.it

Tempere Campania Aglianico Igt 2007 | Voto 85/100

Tempere
Uva: aglianico
Fascia di prezzo: 12,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Vista 5/5 – Naso 25/30 – Palato 25/30 – Non omologazione 30/35

Mi sono spesso chiesto perché la provincia di Salerno che è così vasta produce poco vino a livello commerciale? La risposta è facile: perché i territori vocati sono pochi, al massimo quattro: Costiera Amalfitana, Monti Picentini, mezzo Cilento ed Alburni. E gli altri comprensori? Poco o niente, anche se le potenzialità per sviluppare una viticoltura di qualità esistono quasi dappertutto, ma non sono sfruttate adeguatamente. Per fortuna negli ultimi tempi si registrano segnali di cambiamento in quelle zone che fino a poco tempo fa erano poco inclini all'allevamento della vite, come sta capitando per esempio nel Vallo di Diano, in cui sono sorte piccole aziende vitivinicole.

Leggi tutto...

Droni per coltivare le vigne e export in Corea dell'olio extravergine: ecco gli Oscar Green

Due aziende salernitane hanno conquistato l'Oscar Green 2014, vincendo la fase regionale del concorso con cui Coldiretti premia le imprese giovanili più originali e innovative.
Per la categoria "Stile e cultura d'impresa" ha vinto l'Azienda vitivinicola Tempere di Sant'Arsenio del giovanissimo Filippo Pica, grazie all'innovativa sperimentazione di droni e sensori multispettrali che ha permesso la precisa mappatura dei territori aziendali e la classificazione delle vigne in base ad indici di vigoria.

Leggi tutto...

Sant'Arsenio ospite del Telegiornale della Campania

Tempere, l’Aglianico del Vallo di Diano

Io e il tom tom non abbiamo un bel rapporto. Lui, con voce da lei, mi consiglia strade che sistematicamente ignoro e il simpatico aggeggio si vendica sadicamente mandandomi per vicoli ciechi e mulattiere sterrate quando decido di dargli retta. Sembriamo Sandra e Raimondo in Casa Vianello ma come loro, alla fine, ci vogliamo bene perché entrambi coltiviamo il salvifico piacere di perderci e ritrovarci là dove non dovremmo essere.

Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie